Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for giugno 2008

Viaggiare in aereo…

AereoDomenica mattina, ore 06:30, arrivo alla stazione per prendere il treno diretto a Fiumicino.

Il treno non passa, logico è domenica, le corse sono meno della metà. Parto alle 06:45, arrivo in aeroporto alle 08:00 (con circa 12 minuti di ritardo), corro ai banchi di accettazione e giungo davanti ad una hostess che mi dice di aspettare in quanto devono chiamare ancora i voli in chiusura. Aspetto nella fila preferenziale riservata ai possessori della mile & more e come presento il mio biglietto per Alghero delle 08:30 la collega al fianco di quella con cui ho parlato tre minuti prima mi dice soavemente che il volo è chiuso e che quindi devo mettermi in lista d’attesa per il volo successivo. Cercando di mantenere la calma le spiego la situazione ma lei col suo sguardo diventato in un attimo di superiorità ed arroganza mi dice che ormai non è possibile fare niente, che se voglio posso andare al gate senza fare il checkin e se lo trovo ancora aperto mi fanno entrare. Una corsa verso il metal detector e quindi davanti ad un’altra simpaticona che per solidarietà verso la collega mi dice che già sono stati chiari ai banchi di sotto, il volo è chiuso e non posso assolutamente imbarcare, il tutto con un sorriso da strega che ha rischiato veramente di farmi perdere il controllo. Non potendo fare altro mi dirigo verso l’uscita, vado alla biglietteria di un’altra compagnia e mi compro un altro biglietto, questa volta per Olbia, in quanto da Alghero verso il centro della Sardegna partono solamente due pulman al giorno, uno alle 11:00 del mattino ed uno alle 23:00 di sera. Il volo successivo parte alle 13:30, quindi ho tutto il tempo di andare nuovamente ai banchi di air one a chiedere il rimborso e quindi stare in giro per l’aeroporto fino alle 13:20. La cosa che mi ha lasciato sconvolta più di tutte è stata la ragazza della biglietteria che dopo aver sentito la mia storia non si è affatto scomposta ma mi ha risposto semplicemente, “Come al solito si scordano di chiamare i voli in chiusura“.

Ma che significa “come al solito”, ma a chi tocca ricordarlo? Perchè se la cosa è ricorrente nessuno prende provvedimenti?

Annunci

Read Full Post »

Passano gli anni…

…eh si, passano davvero in fretta! Domenica è stato il mio compleanno, sono giunta al traguardo dei 33!

E’ stata una bellissima giornata, della quale devo ringraziare Stefano, che ha organizzato tutto, Mirella, Roberto e Alfredo che sono davvero dei carissimi amici, sempre presenti, e tutte le persone più care che non potendo essermi vicine o a causa del mare che ci divide, o perchè non è stato possibile incontrarci, mi hanno mandato tanti messaggi e chiamate.

A causa del tremendo traffico siamo tornati a casa tardissimo, ma è stato molto bello rientrare contemporaneamente all’inizio del fuochi della festa del quartiere, che sparavano proprio di fronte al nostro balcone. Oggi si ricomincia, con un anno in più e con tanta voglia di andare avanti, di vivere ogni giorno con entusiasmo, mettendo impegno in tutto ciò che faccio ma sopratutto con il sorriso sulle labbra, perchè per me la cosa più importante è saper sorridere. La vita non è facile, ma mi ritengo una persona fortunata, alla quale il destino ha dato la fortuna di nascere in una famiglia che l’adora. Fortunata per aver incontrato sul mio cammino tante persone stupende che mi hanno insegnato a cercare il buono in ognuno di noi, ma soprattutto che mi hanno fatto capire come non sia necessario essere degli eroi per compiere i piccoli gesti che danno la felicità.

Grazie…

Read Full Post »

Prosegue l’aggiornamento della mia blogroll…. ho scelto quest’immagine per esprimere il mio modo di vedere la blogosfera, un percorso già segnato da altri che però ognuno vive in modo diverso, un viaggio nel quale scegliamo le soste, scopriamo nuovi paesaggi ed arricchiamo il nostro bagaglio di conoscenze attraverso ciò che scrivono, pensano e raccontano coloro ai quali andiamo incontro in questo cammino. Io ho fatto alcune soste che mi hanno permesso di leggere i post originali e utilissimi di Gunther, conoscere un po’ di più la mia terra con le foto e le notizie di Pia, scoprire tante ricette gustose legate ad aneddoti divertenti nel blog di Caravaggio, una cucina da chef con foto bellissime proposte da Lisa.

Per finire ho conosciuto Tommasina, che sul web ci racconta le sue avventure nella località segreta …e devo dire che anche a me non dispiacerebbe la sua vita da cane…

ciao a tutti…al prossimo aggiornamento!!!

(L’immagine l’ho presa qui).

Read Full Post »

Vov

Fra le tante cose buone che mi ha insegnato a preparare la mia mamma un posto d’onore spetta al VOV, che preparato “alla maniera sarda” più che un liquore è una botta di energia!

Essendo poco alcolico lo possono bere tutti!

Ultimamente …ho convertito al VOV anche un amico completamente astemio!

Ingredienti:

  • 1 litro di latte intero
  • 1 kg di zucchero
  • 15 tuorli d’uovo
  • 1/4 di litro di alcol etilico a 95°
  • 1/4 di litro di marsala all’uovo

Procedimento:

Lavorate i tuorli con lo zucchero, quando quest’ultimo si è completamrnte sciolto aggiungete il latte e quindi l’alcol ed il marsala. Fatto ciò mescolate il tutto e mettetelo il bottiglie.

Agitatelo spesso (diciamo ogni volta che passate dalla cucina!), ed aspettate un paio di giorni, dopo i quali si può già bere, magari dopo averlo tenuto un pò in frigo.

Con gli albumi rimasti, potete preparare le meringhe, perchè in cucina non si deve buttare mai niente! Piuttosto, qualcuno dirà che 15 tuorli sono troppi, ma prima provate! 🙂

Cin Cin!

Read Full Post »

Eccoci finalmente all’ultima puntata del mio racconto!

Come finirà l’intervento del piccolo Vittorio? E come andrà la storia d’amore tra Sabrina e Matteo? Scopriamolo assieme!!!

Con grande gioia di tutti l’intervento riuscì perfettamente e Vittorio tornò a casa con di fronte una vita nuova che aspettava solo di essere vissuta.
Nel buio della sua stanza, Sabrina, pensava che era giunto il momento di tornare alla sua vita, ma sentiva che una parte del suo cuore era stata rapita da questa magnifica terra, da questa gente così semplice, forse anche un po’ ingenua che per lei era ormai una seconda famiglia. Ma ciò che più la faceva soffrire era il fatto che presto si sarebbe dovuta separare da Matteo. Sapeva che anche lui l’amava, ma forse l’America era troppo lontana per questo sentimento appena sbocciato.

La sera precedente la sua partenza, la famiglia di Vittorio organizzò una bellissima festa in onore di Sabrina. Gustarono tanti piatti tipici della cucina sarda, e ballarono per tutta la sera al suono di romantiche melodie diffuse da una fisarmonica.
Durante la festa Sabrina ricevette da Vittorio una pergamena che la dichiarava ufficialmente membro della sua famiglia e cittadina di Santa Maria Coghinas. Prima di andare a dormire si recò con Matteo sulla scogliera di fronte alla Corsica.

Cullati dalla dolce melodia del mare si salutarono senza promesse, solo con la speranza che un giorno forse si sarebbero incontrati ancora. Il giorno della partenza fu accompagnata all’aeroporto dai genitori di Vittorio.
Salutarsi fu commovente, ma si lasciarono con la promessa di rincontrarsi presto.

Matteo non le aveva detto che quel giorno sarebbe stato lì per salutarla, ma lei ci aveva sperato tanto. Era così triste che non vide nemmeno chi sedeva accanto a lei sull’aereo. Solo quando stavano per decollare sentì la persona sedutale accanto che diceva: “Certo che la prudenza non è una dote di cui puoi andare fiera! Ma vuoi allacciare quella cintura?”.

Vicino a lei, bello ed arrogante come sempre, c’era Matteo.

Ma tu sei matto! Che ci fai qui?” – “Ho sentito che i migliori ospedali si trovano dalle tue parti! Qui rischio di rimanere un sostituto per sempre!”.

Si abbracciarono e poi allacciarono le cinture. L’aereo si alzò in volo per riportarla nella casa da cui era partita sola e piena di domande, e dove tornava con le risposte, ma soprattutto col suo uomo. La terra, che una volta separò due giovani amanti, adesso, aveva fatto nascere un grande sentimento che nemmeno l’oceano poteva dividere.

Che ne dite, vi è piaciuto??? 🙂

Read Full Post »